Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 224.155.882
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 19/04/2017

Merate: 10 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 15 µg/mc
Lecco: v. Sora: 18 µg/mc
Valmadrera: 7 µg/mc
Scritto Venerdì 16 dicembre 2016 alle 16:34

Elogio alla Pediatria del Mandic. Non solo e sempre critiche

Mi permetto di scrivere due righe su una mia, anzi nostra personale esperienza.
Quest'anno è la quarta volta che per motivi di salute ed indagini il mio bambino è stato ricoverato nel reparto di pediatria del Mandic di Merate.
Sento la necessità di tessere un elogio a questo reparto che credo proprio sia un fiore all'occhiello della regione Lombardia ( e non solo).
La professionalità', la delicatezza, l'armonia e l'amore ( si, proprio quello) con cui vengono accolti e cullati i bambini è qualcosa di davvero toccante. Tutto si muove in questo ritmo armonico per rendere il ricovero meno doloroso possibile per il bambino e per chi lo assiste.
In ospedale ci sono dei tempi tecnici, il cambio letto, la terapia, il pasto ecc.. Eppure qui il tempo si trasla... Il personale aspetta paziente che il bambino sia disponibile.
Che dire poi dei volontari Abio che cullano i nostri bambini per evitare che sopraggiunga la noia. Giovani e meno giovani, donne e uomini inventano giochi e si camuffano da pagliacci mentre il tempo scorre. Tic, tac, tic, tac .....
Così anche per noi il tempo passa. Per noi che viviamo questo tempo con angoscia e con dolore, ma che veniamo compresi quando mostriamo la nostra ansia e le nostre paure.
Grazie al primario dottor Cogliati e a tutti i suoi dottori,a tutte le infermiere e a tutto il personale ausiliario.
In particolare grazie alla maestra del reparto che in collaborazione con le maestre della scuola di Sartirana hanno permesso a mio figlio di mantenersi al passo.
Un grazie particolare al dottor Tagliabue che oltre aver visto nascere mio figlio lo ha rivisto nel corso di questi anni e si è reso disponibile a lavorare per mio figlio anche se fosse di riposo (senza chiederglielo).
Spero davvero di aver ricordato tutti e se non l'ho fatto perdonatemi.
Grazie, grazie.... All'infinito grazie.
Spero che in Italia prima o poi ci si renda conto che forse lo stipendio di un medico o di un qualsiasi operatore sanitario è vergognoso se si pensa a quanti soldi possano prendere chi tira calci a un pallone e non salva vite!!!!
la mamma di Christian
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco