Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 229.788.818
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 06/06/2017

Merate: 14 µg/mc
Lecco: v. Amendola: ND µg/mc
Lecco: v. Sora: 6 µg/mc
Valmadrera: 5 µg/mc
Scritto Mercoledì 14 dicembre 2016 alle 17:16

Franco, il Notaio Franco Panzeri faceva, lo dico sinceramente, parte della mia vita...

Renato Cogliati
Franco, il “Notaio Franco Panzeri” faceva, lo dico sinceramente, parte della mia vita.
C’eravamo conosciuti durante gli anni di frequentazione dell’oratorio, lui a Rovagnate, io a S.Zeno.
Di quel periodo ricordo anche l’aiuto, disinteressato, da lui fornitomi per gli adempimenti successori in morte di mio padre: ero al mio secondo anno di università, avevo venti anni.
Con l’inizio della professione i nostri rapporti si sono intensificati e di molto, anche grazie alla contiguità dei nostri studi, nell’immobile di Via Canova al civico 39 di Olgiate Molgora; serviva un attimo per decidere di incontrarci, rigorosamente al termine dei rispettivi impegni di studio, spesso oltre le 21.00.
Di far tardi, Franco era dispiaciuto perché a casa l’aspettavano le premure della moglie e dei figli, che anche lui amava sinceramente e profondamente.
Durante gli anni di mia militanza politico-amministrativa mi era stato vicino, senza mai essere invasivo.
Franco ti colpiva, oltre che per la semplicità nella grandezza e bontà d’animo, la capacità di avere sempre una parola di conforto per tutti.
Professionalmente giungeva all’essenza del tema giuridico propostogli in un attimo.
Era capace di risolvere quanto altri andavano complicando; era convinto che il professionista dovesse impegnarsi per risolvere ogni sorta di problema sottopostogli; doveva in sostanza in ogni occasione dare speranza.
Anche al di fuori della professione era solito aiutare chiunque fosse in stato di necessità; ciò faceva senza alcun personale interesse.
Vicino alla quiescenza aveva voluto, in occasione del Natale 2014, omaggiarmi di una sua preziosa stilografica, accompagnandola con uno scritto, che conservo gelosamente, in cui sottolineava la mia predilezione per tale strumento di scrittura e la sua volontà, in un certo senso, di passarmi, mediante quel gesto il testimone di tanti decenni di lavoro.
Per rispetto non ho mai voluto usare quella stilografica, che ora conserverò ancor più gelosamente.
Oggi avremmo dovuto incontrarci per questioni professionali; purtroppo ciò non è stato possibile.
Di lui, e del nostro rapporto, potrei raccontare molto altro, ricordi che invece custodirò tra i più belli e significativi della mia vita.                                                                           
Renato Cogliati - Avvocato in Olgiate M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco