Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 302.960.344
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 19/06/2019

Merate: 29 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 21 µg/mc
Lecco: v. Sora: 21 µg/mc
Valmadrera: 20 µg/mc
Scritto Martedì 08 novembre 2016 alle 08:11

Merate 5 Stelle in Piazza per il 'no' al referendum

Con l’avvicinarsi dell’appuntamento referendario del 4 Dicembre il gruppo di Merate 5 Stelle  propone incontri e confronti in Piazza Prinetti. Da tre anni a questa parte, per far uscire il dibattito politico dalla televisione e riportarlo tra la gente, Merate 5 Stelle presenzia con i banchetti la piazza centrale della nostra cittadina.
“Con questi confronti vogliamo rimettere al centro l’importanza dell’informarsi come grande atto di educazione civica. E lo vogliamo fare insieme. Il referendum di Dicembre è la consultazione elettorale di gran lunga più importante degli ultimi 10 anni. Lì si deciderà il futuro dell’Italia per i prossimi decenni. Parleremo della nostra Costituzione, la legge fondamentale che detta le regole tra i cittadini che, a differenza di quanto sostenuto dai promotori della revisione (aspettiamo una riforma da 70 anni), in quasi 50 anni ha già subito ben 16 modifiche".
Il quesito referendario si articola in 5 domandine sintetiche che in realtà nascondono lo stravolgimento di ben 47 articoli su 139 della nostra Costituzione. Cinque domandine che ci faranno decidere se cambiare oppure no alcuni punti cardine del testo così come la conosciamo, quindi è bene arrivare all’urna preparati e consapevoli riguardo della propria scelta. “
“Noi racconteremo le Ragioni del NO perché non ci si può accontentare di una riforma Costituzionale fatta male e incomprensibile".

"L’articolo 70, per esempio, passerebbe da 9 parole a 439.
La Camera avrebbe deputati per buona parte nominati dai capipartito. Il Senato 100 senatori  non votati dal popolo ma scelti, senza sapere come, tra consiglieri regionali e sindaci per di più protetti dall’immunità.
Il bicameralismo non sarebbe affatto superato: il ping pong delle leggi Camera-Senato rimarrebbe e i sistemi di approvazione passerebbero da 2 a 10, alla faccia della semplificazione.
Per le leggi di iniziativa popolare le firme da raccogliere passerebbero da 50 mila a 150 mila.  Per i referendum abrogativi (in cambio di un quorum un po’ ridotto) da 500 mila a 800 mila”.

L’appuntamento è il 12, il 19, il 26 Novembre dalle ore 10.00 alle 12.00
A Merate in Piazza Prinetti sotto il gazebo Merate 5 Stelle
Merate 5 Stelle
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco