Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 297.369.835
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 17/04/2019

Merate: 28 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 24 µg/mc
Lecco: v. Sora: 14 µg/mc
Valmadrera: 16 µg/mc
Scritto Domenica 09 ottobre 2016 alle 22:24

Verderio: visita all’aia dei bambini della materna di Colnago accompagnati dai nonni

Una lezione a scuola può essere estremamente noiosa, soprattutto se poco interattiva e coinvolgente. Imparare e fare propri dei concetti per i bambini è sempre difficile, tanto più per quelli all'inizio del loro percorso tra i banchi dell'asilo. I responsabili della scuola materna della parrocchia di Sant'Alessandro di Colnago hanno perciò pensato che una lezione "sul campo" sarebbe stata di gran lunga più interessante e avrebbe lasciato molto di più ai propri alunni.


Così venerdì mattina un centinaio di bambini dell'asilo si sono ritrovati all'aia di Verderio, museo contadino curato da Angelo. E non c'è un termine più adatto di "lezione sul campo" per descrivere quello che i bambini hanno vissuto: un'immersione totale nel mondo contadino di cui tanto avevano sentito parlare nei racconti dei loro nonni. E qui c'è l'altra notizia: la scolaresca infatti è stata accompagnata da delle guide molto speciali, i nonni dei bambini li hanno presi per mano e li hanno seguiti in questo viaggio alla scoperta del mondo rurale, tra i campi e gli attrezzi, le ore di lavoro e la fame.

Così i racconti dei nonni hanno trovato diretto riscontro nel museo contadino, anche grazie alle spiegazioni che lo storico verderese Giulio Oggioni ha fornito ai presenti. Il cerchio si è chiuso, come si dice in questi casi, la passione dei grandi per un mondo considerato "loro" è stata trasmessa direttamente ai più piccini in un ambiente protetto e familiare, in una giornata che difficilmente verrà dimenticata dai bambini... e men che meno dai nonni.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco