Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 293.827.064
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/03/2019

Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 9 µg/mc
Lecco: v. Sora: 7 µg/mc
Valmadrera: 6 µg/mc
Scritto Venerdì 29 aprile 2016 alle 14:02

Airuno: la minoranza critica sui scarsi fondi per la scuola

Nel corso del consiglio comunale di ieri, giovedì 28 aprile, il Gruppo di minoranza "Nuova Airuno-Aizurro" è tornato nuovamente sul tema del "piano di diritto allo studio", già più volte oggetto di discussioni e confronti a seguito dello stanziamento in bilancio di 12.500 euro, una somma ritenuta scarsa e inadatta a sostenere i progetti scolastici presentati in sede di Consulta Scuola. La questione, particolarmente sentita dai consiglieri di minoranza, ha spinto i membri del Gruppo a presentare in Comune un'interpellanza, a cui il sindaco Adele Gatti ha finalmente avuto modo di rispondere in maniera ufficiale.

Il consigliere Alessandro Milani e il sindaco Adele Gatti

"A fronte di un bilancio comunale pari a circa 3 milioni di euro, la percentuale di incidenza dello stanziamento della somma da parte del Comune di Airuno per il piano di diritto allo studio è risultata pari allo 0,0042%" ha affermato Alessandro Milani, consigliere di minoranza. "Come ho già ribadito, la Giunta precedente e attualmente in carica ha investito molto in termini di Scuola, per esempio per la sistemazione della Secondaria e per l'adeguamento della Primaria: perché mai ora sono state tagliate risorse sui progetti formativi? Non è forse il caso di rivedere in modo più razionale i vari capitoli di spesa a bilancio? Mi piacerebbe inoltre capire in che modo si ha intenzione di agire per il prossimo anno: ritengo infatti che in questo ambito si possa fare molto di più, basta solo volerlo fino in fondo".
"Innanzitutto vorrei precisare che oltre ai 12.500 euro stanziati in bilancio sono stati altresì caricati nella spesa sociale ulteriori 2.000 euro, necessari per la gestione dello sportello di consulenza psicologica" ha risposto il sindaco Adele Gatti. "Il budget, quindi, nel nostro piccolo, ha già registrato un significativo incremento. Sono stati poi aggiunti circa 1.000 euro per i costi relativi alle pulizie, e non ci siamo mai tirati indietro quando si è trattato di promuovere e organizzare eventi extra-curricolari, che durante lo scorso anno sono stati particolarmente numerosi e consistenti. Ci piacerebbe inoltre istituire le borse di studio per gli studenti meritevoli, ma ormai siamo già "al limite" delle nostre risorse, anche perché dobbiamo considerare che nella somma stanziata per il piano di diritto allo studio non figurano gli investimenti effettuati sugli immobili scolastici: anche a fronte delle ridotte dimensioni del nostro Comune, direi che abbiamo già fatto abbastanza".
B.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco