Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 288.581.284
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 13/01/2019

Merate: 81 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 69 µg/mc
Lecco: v. Sora: 54 µg/mc
Valmadrera: 75 µg/mc
Scritto Giovedì 15 gennaio 2015 alle 18:40

30 anni fa/2, 20 gennaio: neve fino a 80 cm. e freddo a – 10°. Il maltempo record paralizza la Brianza. Il lago diventa riserva

Finite le feste, il lavoro nel meratese riprende con la lena dell'epoca, quella della Milano da bere, quella della reganomics che domina su metà pianeta sospingendo le economie dei Paesi occidentali e aprendo nuovi scenari per i Paesi in via di sviluppo. Ma in agguato c'è il generale inverno. Che quel 1985 farà stridere i denti come non accadeva dal '47.Dopo due precedenti nevicate di non eccezionale intensità, i primi grossi fiocchi iniziano a cadere nel pomeriggio di domenica 13 gennaio. La nevicata si fa via via più intensa e inarrestabile. Durante la "nostra" settimana, dal 13 al 20 gennaio 1985 la neve raggiunge l'altezza di 80 centimetri, paralizzando tutte le vie di comunicazione, bloccando le attività lavorative e scolastiche, provocando

danni stimati in 10 miliardi di lire nel solo territorio della Brianza meratese-casatese con crolli di case e capannoni.
Temperature in picchiata: ancora prima della neve era calata fino a 5 gradi sotto zero, poi dopo il tremendo nevare, di nuovo un crollo del termometro fino a - 10 gradi.  In all'Alpe Giumello si registrano - 24 gradi; al Pian dei Resinelli - 14. A Lecco si arriva a - 12 ma la statistica ci informa che non è un record: nel 1929 la colonnina di mercurio era scesa fino a - 17 gradi.


Ovunque non si parla d'altro. Una donna di 77 anni che viveva sola fu salvata dai vigili del fuoco, intervenuti perché non dava notizie di sé ai parenti e ai servizi sociali che periodicamente andavano a visitarla. I pompieri la trovarono riversa sul letto, svenuta, con evidenti segni di un principio di assideramento. Ma la cronaca di quei giorni non si esauriva con l'eccezionale nevicata e l'ondata di gelo.

Un muratore di 46 anni, padre di sei figli che risiedeva in via Montegrappa viene trovato morto da una pattuglia dell'Ilvi all'incrocio tra via Garibaldi e la statale 36 all'1 e 30 del mattino. Qualche ora più tardi si costituirà ai carabinieri un ragazzo, un ventunenne di Como che aveva confessato ai genitori di aver avuto un incidente e di aver travolto una persona.

La giunta regionale deliberava definitivamente la costituzione della Riserva lago di Sartirana - delibera comunale approvata il 15 novembre dell'anno prima da Merate - al fine di tutelare le caratteristiche naturali e paesaggistiche dell'area. In altre parole da quel momento tutta la zona circostante il lago è  inedificabile - diventerà poi un Sito di interesse comunitario - e al suo interno si metteranno in atto meccanismi di sperimentazione ambientale per favorire lo sviluppo della flora e della fauna autoctona. Una porzione significativa della città è "messa al sicuro".

A Calco un 39enne che non si rassegnava alla separazione dalla moglie assaliva la consorte con una forbice procurandole ferite con una prognosi di 8 giorni. Arrestato veniva condannato a due mesi di reclusione per lesioni volontarie e 100mila lire di multa. Rimesso subito in libertà, però, perché incensurato.

A Cernusco i soliti ignoti riuscivano a penetrare in Municipio nottetempo impadronendosi addirittura della cassaforte ritrovata poi aperta in un bosco nei pressi di via San Dionigi. Bottino circa 2 milioni di lire in contanti.

A Rovagnate, Rova radio Alta brianza festeggiava i cinque anni di trasmissione mentre a Viganò il ristorante da Pierino aveva un ospite straordinario a tavola e in cucina: Ugo Tognazzi attore di prima grandezza e grande chef.

Il campionato di calcio era naturalmente fermo per impraticabilità dei campi; la notizia sportiva di maggiore rilievo fu la vittoria al torneo Lanfritto Maggioni, quarta gara svoltasi a Lomagna, dell'atleta Roberto Cecere, classe 1972, della polisportiva cernuschese, che con uno sprint finale eccezionale batteva il super favorito Massimiliano Rota del club atletico Lecco.

Ma, come si diceva, era il clima a catalizzare l'interesse di tutti. A fine settimana i primi bilanci dei danni. E l'elenco, che pubblicheremo nella prossima puntata, fu davvero lungo.


2/continua
Articoli correlati:
06.01.2015 - 30 anni fa/1, 8 gennaio: 'vicenda' Gritti, Sandro ''gatin'', toro in fuga e primi nati, furto in canonica e una nevicata da record
C.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco