Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 302.933.989
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 19/06/2019

Merate: 29 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 21 µg/mc
Lecco: v. Sora: 21 µg/mc
Valmadrera: 20 µg/mc
Scritto Domenica 30 novembre 2014 alle 23:51

PEREGO E ROVAGNATE SONO UN SOLO COMUNE, VINCE IL SI. SCELTA LA DENOMINAZIONE: LA VALLETTA BRIANZA

Una data che resterà nella storia delle due comunità. Oggi 30 novembre 2014 i cittadini di Perego e Rovagnate hanno espresso il loro assenso affinché si proceda alla fusione delle due municipalità, optando per "La Valletta Brianza" quale toponimo per il nuovo comune. Al primo colpo - a Verderio ci sono voluti tre tentativi per eliminare "Inferiore" e "Superiore" - ha vinto il "si". E lo ha fatto non solo in entrambi i paesi (condizione essenziale) ma anche in tutti e cinque i seggi, nei tre rovagnatesi e, forse inaspettatamente, anche nei due pereghini nonostante la tenacia con cui gli esponenti del Carroccio hanno portato avanti la campagna a sostegno del "no". Hanno prevalso però le motivazioni del "si", portate avanti anche bussando porta a porta dai rappresentanti del Comitato così come dai due gruppi di maggioranza e dalla minoranza "Rovagnate al centro". Qualche numero: hanno votato 1860 cittadini su 3633 aventi diritto pari al 51%. 1119 gli elettori rovagnatesi, 741 i pereghini. Il "no" si è fermato a 568 preferenze mentre il "si" ne ha totalizzate 1117 affermandosi dunque con il 66,4% (tutti dati che dovranno essere ufficializzati).
Marina Galbusera al voto
Sotto Paola Panzeri con alcuni sostenitori del si


"Sono molto, molto orgogliosa della comunità di Rovagnate" il commento a caldo del sindaco Marina Galbusera, particolarmente tesa durante le operazioni di spoglio delle schede. "Ha saputo guardare in prospettiva, sta creando le basi per un futuro migliore. Sono felice - ha poi aggiunto - che la comunità di Perego la pensi allo stesso modo. Ringrazio tantissimo l'amministrazione comunale pereghina per averci creduto e i cittadini per aver permesso a questo progetto di andare avanti. Grazie, grazie, grazie!"
.
"Sono molto felice del risultato ottenuto" le ha fatto eco il capogruppo di "Rovagnate al centro" Angelo Brivio, presente al seggio con il compagno di schieramento Fernando Fumagalli. "Ciò che è avvenuto oggi non è altro che ciò che il nostro gruppo ha spinto in questi anni, portando avanti il concetto della fusione. Mi spiace tanto per i cittadini di Santa Maria che non hanno potuto esprimere la loro opinione, così facendo sono rimasti il fanalino di coda dell'Unione".
"Sono ovviamente soddisfatta del risultato, anche se avrei preferito una maggiore affluenza, trattandosi di un questione così importante per la vita amministrativa del nostro paese.  Siamo contenti che i pereghini abbiano capito ed accettato la nostra proposta, dimostrando ancora una volta il loro senso critico. A loro va il mio ringraziamento. Un grazie sentito anche al Comitato per il Sì, che ha svolto in questi mesi un ottimo lavoro, discreto ma efficace. Da domani, inizieremo a ragionare sul futuro. Ci troveremo a lavorare con i nostri "colleghi" di Rovagnate e sono sicura che riusciremo ad andare d'accordo. Il nostro impegno ora è rivolto verso i cittadini che hanno votato "no" al referendum, con l'obiettivo di dimostrare, con i fatti, che la fusione rappresenta la soluzione migliore" ha dichiarato felice il sindaco di Perego Paola Panzeri.
Rammarico invece per il gruppo di minoranza Lega Nord. "Sono deluso.  Anche se, ad essere onesti, mi aspettavo una sconfitta ancora più schiacciante, invece tutto sommato ci siamo difesi. Bisogna considerare poi il forte astensionismo: a conti fatti solo poco più della metà degli aventi diritto ha votato. Forse con una maggiore affluenza il risultato avrebbe potuto essere diverso, ma non neghiamo la nostra parte di responsabilità nel non essere riusciti a spiegare in maniera efficace le nostre ragioni alla cittadinanza" il commento il capogruppo di "Impegno e Concretezza" Pierangelo Sala. Tra i membri del suo partito presenti allo spoglio, qualcuno ha anche sostenuto che la maggioranza avrebbe condotto in maniera "sporca" la campagna referendaria. Ma queste considerazioni ormai lascino il tempo che trovano.
Una nuova pagina della storia dei due comuni si appresta ad essere scritta con la nascita di "La Valletta Brianza".


Articoli correlati:
Referendum: la diretta dello spoglio delle schede
Alice Zerbinati - Alice Mandelli
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco