Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 288.485.059
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 13/01/2019

Merate: 81 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 69 µg/mc
Lecco: v. Sora: 54 µg/mc
Valmadrera: 75 µg/mc
Scritto Lunedì 04 novembre 2013 alle 18:07

Lecco: a 61 anni si è spento il giornalista Angelo Sala

Il collega Angelo Sala
Lutto nel mondo del giornalismo. Questa mattina si è spento all'età di 61 anni Angelo Sala, cronista storico di diversi periodici locali tra cui Il Resegone e la Provincia di Lecco. Malato da qualche tempo, Sala era anche autore di diversi volumi sulla storia locale e soprattutto sulla fede, in collaborazione con l'amico Claudio Redaelli del Punto Stampa. Lascia la moglie Rosaria e i figli Agnese, Alberto e Marco, oltre ai nipoti. Il giornalismo era stato la sua passione e la sua vita, improntando il suo modo di scrivere e fare informazione con la sensibilità d'animo e la fede che animavano la sua esistenza. I funerali si svolgeranno martedì 5 novembre alle ore 15.30 nella chiesa parrocchiale di Acquate, poi la salma sarà tumulata nel cimitero di Castello.

Martedì 5 novembre alle ore 15.30 i funerali nella chiesa parrocchiale di Acquate, quindi la tumulazione a Castello.

Ecco il messaggio di cordoglio del sindaco di Lecco:

Esprimo il sentimento di cordoglio mio personale e di tutta la città per la perdita di Angelo Sala, e ci stringiamo con affetto ai suoi familiari. A Lecco viene meno un osservatore attento e mai banale, che sapeva tenere insieme l'amore per la cronaca e il gusto dell'approfondimento e della ricerca. Angelo è sempre stato in grado di coniugare con intelligenza ed equilibrio la tradizione della fede con i valori attuali, con una passione smisurata per la promozione del nostro territorio e delle sue peculiarità. Il suo impegno ha sempre avuto come perno centrale la "cultura", sia che si parlasse di alimentazione, di montagna, di opere della sussidiarietà o di luoghi dedicati al sacro, ai quali ha dedicato grande parte del suo lavoro. Personalmente perdo un amico e un "consigliere", con il quale ho avuto numerose occasioni di confronto - anche partendo da posizioni diverse - ma sempre nel rispetto, nell'equilibrio e nella condivisione di un grande amore per Lecco e le sue ricchezze.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco