Scritto Domenica 14 aprile 2019 alle 18:26

Paderno: dall'Adda ripescato il cadavere di un 43enne con l'intervento dei sommozzatori

Il cadavere di un uomo di 43 anni di Barzanò è stato ripescato dalle acque dell'Adda. La richiesta di soccorso è scattata intorno alle 17.30, giunta da un passante. Sul posto si sono portati i Vigili del fuoco di Merate unitamente ad una squadra di sommozzatori, i carabinieri e il 118.

Il corpo esamine si trovava nei pressi delle chiuse della diga, non molto lontano dalla cosiddetta ''casa del custode'' di proprietà di Edison. I soccorritori lo hanno agganciato con l'utilizzo di funi e pertiche, trascinandolo poi a riva su di un lembo di terra che ha reso più agevole l'operazione.

Da quanto si apprende, qualcuno avrebbe anche sentito il tonfo causato dall'impatto del corpo con l'acqua. Ignote al momento le cause del gesto. Si tratta del secondo rinvenimento di una persona senza vita di questa settimana, dopo quello accaduto martedì scorso.

Articoli correlati:

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco