Scritto Luned́ 09 luglio 2018 alle 15:23

Sul caso Scopel: di fronte all'ottusità del potere i tribunali diventano l'ultima spiaggia

Spettabile redazione,

intervengo sul " caso Scopel" e anche io esprimo stupore per la decisione della Giunta di Cernusco Lombardone di volere perseguire l'onerosa via giudiziaria ( impegno di spesa di circa 7 mila euro) per evitare di contribuire, così come stabilisce la legge, alla propria quota parte. Ma il mio stupore si accresce ancor di più dopo aver letto tutta la documentazione del caso. Il signor Scopel è stato costretto per far valere un suo diritto ad intraprendere la via giudiziaria. Ormai ci siamo abituati, sempre più spesso i tribunali rimangono l'ultima spiaggia di fronte all'ottusità del potere che stritola diritti dei più deboli quando questi comportano impiego di risorse per essere attuati. Ci si trincera dietro i cavilli burocratici per rinviare il problema. Il punto è proprio questo. La risposta ricorrente è sempre la stessa: se dovessimo farci carico di queste necessità dovremmo chiudere per fallimento.

Tutti sappiamo che per dare una risposta a queste necessità le risorse ci sono, pur in un contesto che ha visto ridimensionare drasticamente l'autonomia finanziaria degli enti locali con pesanti tagli e vincoli alle risorse.

Esprimo piena solidarietà ad una persona che ha dato e sta dando moltissimo per una causa che non è solo personale ma di tutti.

Salvatore Krassowski
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco